Spazio ai classici: Vacanze Romane



Adesso lo possiamo dire: stiamo per lasciarci alle spalle l'estate e con essa quella voglia di riuscire a prenderci del tempo per noi stessi, per viaggiare e per ricordare.
Agosto in particolare è il mese in cui tutto si ferma e così possiamo riscoprire il gusto di fare cose che spesso durante l'anno abbandoniamo.

Questo vale anche per la televisione che rispolvera volentieri piccoli grandi classici del cinema, e noi con lei finalmente liberi dalla preoccupazione di perdere le ultime uscite, ci dedichiamo a riscoprirli.
Mi è successo con Vacanze Romane capolavoro del 1953 diretto da William Wyler, interpretato da Gregory Peck e Audrey Hepburn. Avete mai visto un trailer degli anni 50? Cliccate!

La storia racconta di un'affascinante principessa che per un giorno decide di sfuggire agli
impegni di corte per vivere una giornata "normale" nell'estate romana. Casualmente incontra il bel giornalista Joe Bradley, che fiutato lo scoop decide di accompagnarla per la città. Ma il suo piano va a monte quando si innamora della ragazza.

Qualche curiosità: Vacanze Romane è stato il film che ha creato la leggenda di Audrey Hepburn, ai tempi sconosciuta al grande pubblico, che con questa pellicola vincerà l'oscar. Visitate il sito ufficiale di Audrey e scoprirete che racconta non solo di cinema, ma del suo rapporto con il successo e della sua fondazione per i bambini. Forse in pochi sanno che il suo ruolo in Vacanza Romane era stato precedentemente offerto ad Elizabeth Taylor, che rifiutò, così come Cary Grant rifiutò il ruolo di Joe.
E' stato uno dei primi film di Hollywood girato interamente all'estero e nonostante la tecnologia permettesse l'utilizzo della pellicola a colori, la produzione decise di mantenere il bianco e il nero per non distogliere lo spettatore dalla storia.

A proposito della storia, ricordiamo Dalton Trumbo che scrisse la sceneggiatura del film ma la firmò con uno pseudonimo perchè allontanato da Hollywood in quanto inserito nelle liste nere che appoggiavano il comunismo.
Solo dopo diversi anni gli saranno riconosciuti tutti i suoi meriti.

Tornando al film, il consiglio chiaramente è di vederlo senza fretta (se volete un assaggio
cliccate!) e sorseggiando un cocktail allegro e dal sapore intenso:
Il Green Apple Martini.

Ingredienti per 1 persona: 2/10 di Vermouth Dry, 4/10 di Vodka, 4/10 di Grappa alle mele verdi, ghiaccio, 1 cucchiaino di zucchero di canna o caffè macinato, qualche goccia di succo di lime, 1 fetta di mela Granny Smith.

Versate il Vermouth, la Vodka e la Grappa alle mele verdi nello shaker insieme con il ghiaccio e agitate energicamente. Servite in una coppetta da cocktail precedentemente brinata nel congelatore, intingendone brevemente il bordo nello zucchero di canna o nel caffè. Aggiungete qualche goccia di succo di lime e decorate con una fetta di mela.

Appuntamento al prossimo classico!

Commenti

  1. post davvero originale ed interessante ;)
    complimenti per i contenuti del vostro blog,
    a presto,
    Marco Michele
    CN

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Anche i blogger donano!

Saving Mr Banks .. I Donuts e l' English Tea

Il Lato Positivo .. dei tagliolini al Tartufo