Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2013

Il Lato Positivo .. dei tagliolini al Tartufo

Immagine
I miei ricordi di quando ero ancora un bambino sono molto confusi. Per cominciare ad avere chiarezza nella mente devo arrivare alla fine delle elementari. Di sicuro ricordo che, già da allora, non mi era mai facile porre un freno alle reazioni: il sangue andava alla testa ed era troppo più veloce e troppo più forte di me per trattenerne le conseguenze. Ero un contestatore, sì, e per di più non avevo alcun timore reverenziale! Poteva trattarsi di un docente, di un preside, o di una qualunque altra autorità: per me era sempre la stessa cosa. Reazioni spropositate a stimoli che consideravo intollerabili erano all’ordine del giorno e mi hanno accompagnato a lungo, spingendomi talvolta a prendere posizioni forti contro gli amici, contro la scuola, contro la famiglia, o contro istituzioni che ritenevo offensive.
In realtà, ero semplicemente il classico malato di “scariche ormonali giovanili”, un male che perseguita una fetta davvero molto ampia di tutti i ragazzini e adolescenti… e che (ahim…

Yes Man! .. e la carbonara di pesce

Immagine
di Chiariss


E poi ti ritrovi alla top of the pops in una fase di down completo, fatta di punti interrogativi, dopo aver recentemente passato un indimenticabile Erasmus lavorativo in Vietnam e aver cominciato a capire che alla soglia dei 30 anni è arrivato il momento di pensare a sé stessi, di capire cosa si vuole fare da grandi cambiando quello che ora non ci fa vivere bene. Basta, basta basta e bando al background + o – tragikesistenziale che potrebbe portare via altro spazio a questo post… incentriamoci su qualcosa di nettamente + banale e superficiale… “yes Man”…eh si perché scartata la (RI)lettura fuffosa di “The Secret” e compagnia bella, lo scorso weekend mi sono imbattuta nel film di Peyton Reed sperando di poter cercare qualcosa che mi scagionasse dal No mood che può diventare estremamente contagioso… 

Film idiota, banale ma… si comincia a ridere solo al veder Jim Carrey alla prima scena. Con quello che definisco uno dei miei attori cretini per eccellenza credo sia normale.. ins…

The Big Apple through a Small Lens

Immagine
Amiamo il cinema per la sua capacità di raccontarci una storia, di colpire la nostra immaginazione, emozionarci e farci viaggiare con la fantasia. Un po' come leggere un bel libro.. ma sullo schermo le immagini che scorrono davanti ai nostri occhi rendono tutto più coinvolgente.  La fotografia è un'arte ancor più antica del cinema, ma a questo si affianca per creare atmosfere e interpretare realtà in modo diverso. Pensate all'ultimo Oscar vinto da La Vita di Pi.

Per rendere omaggio al mondo della fotografia abbiamo scelto il lavoro di un giovane fotografo - Giovanni Vichi - che reinterpreta con un taglio molto 'underground' la Città più ''cinematografica'' del mondo (basta dare un'occhiata a questa pagina di Wiki).






Otto giorni camminando nella Grande Mela con una Nikon D90 e due obiettivi (il 12-24 e il mio preferito: il 50mm) e la sensazione costante che ogni angolo, ogni strada, ogni vicolo di New York meriti di essere visto, vissuto e fotogr…