Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2015

Birdman: spiazzante ma...

Immagine
Mamma mia... sono spiazzato... confuso. Non avevo voluto leggere niente su questo film, prima di vederlo, proprio perché non volevo aspettarmi niente e... quello che ho visto proprio non era il genere di racconto che mi aspettavo.
Bello? Boh... sì, forse... anzi,  sicuramente sì! L’ho detto: sono confuso... avrei forse dovuto informarmi prima per essere preparato? No, assolutamente e decisamente no.
Beh, alla fine in realtà mi è piaciuto. Anzi mi è piaciuto molto! Solo... non subito. La mattina dopo, avendoci dormito su, facendo candire il ricordo e l’esperienza della serata. Adesso, più ci rifletto e più mi sento soddisfatto di averlo visto, ma sono certo che questo film spaccherà in due fazioni gli spettatori. Un po’ come accade con molti film di Woody Allen, che o li ami o li odi. E il parallelo non è fatto a caso: seppur nettamente diverso, lo stile con cui il film procede richiama molto alla mente quello alleniano. Non ultimo l’utilizzo molto attento e selezionato della musica che si…

Imitation Game al Prezzemolo

Immagine
Mio padre è nato in tempo di guerra. Era la seconda guerra mondiale, la sua infanzia segnata da una povertà che, dai sui racconti, i miei fratelli ed io abbiamo sempre avuto difficoltà a figurare. Una gioventù balorda, nel dopoguerra, in una città del sud devastata dai bombardamenti, in quartieri difficili nei quali l’ignoranza e la violenza imperversavano, facendo sperare poco per il futuro; raggiungendo un’adolescenza durante la quale o si era sopraffatti o si trovava l’animo per tirare fuori i denti e lottare con tutte le proprie forze per costruirsi un futuro altrimenti impossibile. Nella fame, nella povertà, con enormi sacrifici e trovando gli espedienti più disparati, alla fine mio padre è riuscito ad ottenere una laurea in matematica che, seppur con un voto non eccellente, lo rese letteralmente “ricercato” dai presidi di tutte le scuole superiori della regione per insegnare matemetica da loro. La matematica è sempre stata per lui una grande passione, come anche l’insegnamento... s…

Gioie e dolori, gl’italici doppiatori!

Immagine
Eccomi al primo post dell’anno! Eccomi richiamato al dovere di non fare come l’anno scorso e rispettare le vecchie tradizioni: quindi primo post = stroncatura (... più o meno)! Volendo essere ligio al dovere (morale), ma non avendo assistito di recente a prodotti cinematografici di livello scadente, ho scelto di preparare un breve “saggio” sull’argomento nel titolo. Proviamo a fare un po’ d’introspezione: in Italia abbiamo un fenomeno decisamente contraddittorio ma fortemente caratterizzante, cioé importiamo tantissimi film dall’estero, ma non ne vediamo nessuno in lingua originale! Li doppiamo tutti! Ed è sempre stato così.
Proprio per questa ragione, la tecnica di doppiaggio in Italia è diventata, fin dai primi tempi, una vera e propria arte e i doppiatori erano (e sono) dei veri e propri “attori radiofonici”, con capacità e abilità vocali superiori sviluppate grazie alla frequenza di specifici corsi in specifiche scuole, nate proprio per formare doppiatori professionisti. In effetti, …