Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2010

Spazio ai classici: Vacanze Romane

Immagine


Adesso lo possiamo dire: stiamo per lasciarci alle spalle l'estate e con essa quella voglia di riuscire a prenderci del tempo per noi stessi, per viaggiare e per ricordare.Agosto in particolare è il mese in cui tutto si ferma e così possiamo riscoprire il gusto di fare cose che spesso durante l'anno abbandoniamo.

Questo vale anche per la televisione che rispolvera volentieri piccoli grandi classici del cinema, e noi con lei finalmente liberi dalla preoccupazione di perdere le ultime uscite, ci dedichiamo a riscoprirli.Mi è successo con Vacanze Romane capolavoro del 1953 diretto da William Wyler, interpretato da Gregory Peck e Audrey Hepburn. Avete mai visto un trailer degli anni 50? Cliccate!

La storia racconta di un'affascinante principessa che per un giorno decide di sfuggire agli impegni di corte per vivere una giornata "normale" nell'estate romana.Casualmente incontra il bel giornalista Joe Bradley, che fiutato lo scoop decide di accompagnarla per la c…

Tra le nuvole con un Sandwich in salsa aioli

Immagine
C'è un giovane regista canadese che non è più una sorpresa: si tratta di Jason Reitman che nel 2009 con Tra le nuvole (questo è Ryan Bingham: guarda il trailer) ha dato una prova convincente, come dimostrano le 6 candidature agli oscar. Questa opera tratta tematiche sociali di sicuro impatto ma con un'evoluzione rispetto ai già acclamati Juno e Thank you for smoking.

Merita una citazione anche la colonna sonora.(clicca e ascolta!).


Il protagonista del film, tratto dal romanzo di Walter Kirn, è un affascinante 'tagliatore di teste', che con professionalità e faccia tosta viaggia per gli Stati Uniti per licenziare ignari dipendenti.

Il regista ha voluto rendere alcune scene più credibili coinvolgendo persone che realmente hanno perso il lavoro. Il film non si limita a questo, tratta più argomenti: da quello tremendamente attuale, la crisi economica, alla delocalizzazione del lavoro, dalla difficoltà di instaurare relazioni vere alla fuga dalla vita reale.

Un plauso a George …