Post

In evidenza

Quasi Nemici con lo Shish Kebab

Immagine
Vive la France! Ma, soprattutto, vive Daniel Auteuil!! È un eccellente attore, che ho apprezzato in molti dei suoi film, e a cui riconosco il merito di avermi riavvicinato negli ultimi 15 anni alla cinematografia francese, da cui ero fuggito per la mia intolleranza verso quei vecchi film considerati invece dei capolavori da molti cultori del genere (ovviamente per mio gusto personale). Così ho imparato ad apprezzare tantissimo le loro commedie, che sono veramente spassose, e successivamente anche lavori ben più impegnati e tutti molto ben rappresentati.
In questo si tratta un tema che mi aveva già molto catturato in un altro film, Thank You For Smoking, anche se lì il tema era approcciato da un differente punto di vista: se il tuo scopo è avere ragione, indipendentemente dal tema che vuoi o devi sostenere, il modo in cui ti presenti, come parli, la postura, gli argomenti che sfrutti e le relative tecniche retoriche sono tutte “armi” che devi imparare a conoscere profondamente per poterl…

The Wife e la Crema di Funghi

Immagine
Non è la trama, questa volta, a rendere questo film un bel lavoro. La storia in realtà è già stata utilizzata in altre versioni, quindi non nasconde troppe sorprese, ma c’è un magnifico lavoro fatto sull’analisi delle caratteristiche e della personalità di ogni singolo personaggio, che sfocia nell’enorme valore dell’interpretazione dei due protagonisti. Glenn Close dimostra per l’ennesima volta di sapere molto bene come dar valore alle sue interpretazioni e sorprende come mai le sia stato dato un riconoscimento alla Notte degli Oscar: questa volta lo meriterebbe sul serio. Ma, oltre a lei, va evidenziata la bravura di Jonathan Pryce nel ruolo del marito, un ruolo pseudo-negativo in un rapporto coniugale che –alla fine dei conti- è probabilmente l’elemento più sorprendente della trama.

L’altro aspetto molto interessante riguarda la difficoltà che il mondo femminile ha sempre avuto a farsi riconoscere pari diritti e di come il tempo porta ad una sua sempre maggiore affermazione. Oggi non …

Sono Tornato, con lo Sformato Autarchico

Immagine
L'Italia non ha più memoria del fascismo. Cosa accadrebbe, oggi, se il Duce tornasse fra noi? Questa la domanda al centro del delizioso e quanto mai attuale film di Milani che immagina un'ipotetico ritorno del Duce -oggi- nel bel mezzo di Roma. Una manna dal cielo per i mass media, che l'abile Mussolini con l'aiuto del documentarista squattrinato interpretato da Frank Matano, riesce a sfruttare al meglio per tornare velocemente alla ribalta.

Partendo da Youtube e dai social, scagliandosi contro gli immigrati e contro la classe politica, Mussolini, che tutti credono un bravo attore, riesce ad emergere e a prendere il controllo della scena pubblica italiana, creando scompiglio anche nelle tante persone con cui entra in contatto.

Non voglio svelarvi niente di più del film, che riesce a illuminare tutte le contraddizioni del nostro campo senza scendere nel campo della satira. Il film è uscito nelle sale nel 2017 ma risulta-adesso- quanto mai attuale. Si tratta in realtà del …

Solo e Sodo

Immagine
Questa volta la Disney ha deciso di calare il carico grosso ed ha messo in campo un regista con i controfiocchi per raccontare la storia di Han Solo, uno dei personaggi più amati della saga originale. Sto parlando di Ron Howard, il Richie Cunningham della nostra infanzia, che poi da regista ha firmato capolavori come Cocoon, Apollo 13, A Beautiful Mind e Il Codice Da Vinci, solo per citarne alcuni. E la scelta ha premiato perché questa volta il film è fatto bene.

Una cosa che mi ha intrigato, perché del tutto inattesa, è stata la situazione che determina il cognome di Han. La scena, che ovviamente non svelo, si svolge però in un modo che non sono così sicuro funzioni bene anche in lingua originale e quindi adesso sono proprio curioso di aspettare esca il DVD, così potrò sincerarmene. Il destino di Han era, in buona parte, già scritto: orfano, allevato da un istituti diretto da delinquenti ed animato dal desiderio di diventare un grande pilota, non è che avesse davanti troppe alternative…

DOGMAN .. e la pasta con la Pomarola

Immagine
Un uomo particolare. Socialmente inserito grazie ad una forte voglia di esserlo. Una persona che ama profondamente i cani, ma ancora di più la sua favolosa bambina. Dogman è il nome della sua attività, quella cioè con cui si prende cura dei cani che gli vengono affidati come dog-sitter: li porta a passeggio, li nutre, li lava e li asciuga, e tutto mettendoci il suo vero e coraggioso amore. Il tutto in un quartieraccio malfamato del sud Italia nel quale Marcello, il protagonista, sembra proprio nato male.

Le sorprese non mancano, ma non sono le classiche sorprese esagerate all’americana: sono più delicate e, a mio parere, più spiazzanti. Uno dei motivi per cui sono andato a vedere questo lavoro di Garrone, nonostante non rientri affatto tra i generi che amo, era l’implacabile curiosità di capire la situazione in cui il film è costruito e scoprire il finale “sorprendente” citato fin troppe volte da fin troppe persone. Quello che posso dire dopo averlo visto è che alla fine mi è piaciuto, ma …

Avengers “Conciati per le Feste”!

Immagine
Terzo film della saga, che coinvolge un botto di supereroi, inclusi gli ormai già fedelissimi Guardiani della Galassia. Chi sarà mai il cattivo di turno? Chiaramente è il solito Thanos, sempre ereditato dai suddetti Guardiani, che a questo giro vuole semplicemente sterminare mezzo universo, cosa che farà dopo essersi impossessato delle sei Gemme dell’Infinito. E chiaramente questo fa scoppiare l’inevitabile Infinity War.

Non c’è tanto di più da dire senza finire per "spoilerare" (parola che odio, quanto odio ciò che significa): quello che ho detto sopra infatti è rivelato subito, nell’incipit, per cui non svelo un granché. Ma è quello che succede dopo che stupirà, perché alla fine questa pellicola si rivelerà essere non proprio allineata a quelle precedenti. Però di altre cose extra da dire ce ne sono: intanto che il film è sicuramente epico e, nonostante il disallineamento che ho preannunciato, non delude le aspettativi degli amanti della saga; come sempre ci sono anche i det…

Come un gatto in tangenziale e le Polpette lenticchie e curcuma

Immagine
Una piccola chicca dell'ultimo anno cinematografico italiano, l'ultimo film di Milani regala 2 ore divertenti giocando sui cliché delle differenze di classe e del meltin pot culturale delle nuove periferie italiane. Un intellettuale - AntonioAlbanese - e una cassiera - Paola Cortellesi - uniscono le loro forze per interrompere la relazione dei loro figli perché impauriti dalla enorme differenza culturale che li separa. Questa improbabile frequentazione forzata avrà degli esiti imprevisti per entrambi...Una trama semplice per un film che ha il pregio di mantenere un bel ritmo, sostenuto dai bravissimi protagonisti. Con delle chicche divertenti, come le due speculari gite al mare - alla super affollata Coccia de Morto e all'oasi naturale di Capalbio - e creare alcune macchiette ben riuscite come le due gemelle con i nomi dei protagonisti di Dallas e la mania per il furto compulsivo.




Il cibo è un altro grande protagonista del film, definisce i confini, le amicizie e il primo e…