Gioie e dolori, gl’italici doppiatori!


Eccomi al primo post dell’anno! Eccomi richiamato al dovere di non fare come l’anno scorso e rispettare le vecchie tradizioni: quindi primo post = stroncatura (... più o meno)!
Volendo essere ligio al dovere (morale), ma non avendo assistito di recente a prodotti cinematografici di livello scadente, ho scelto di preparare un breve “saggio” sull’argomento nel titolo.
Proviamo a fare un po’ d’introspezione: in Italia abbiamo un fenomeno decisamente contraddittorio ma fortemente caratterizzante, cioé importiamo tantissimi film dall’estero, ma non ne vediamo nessuno in lingua originale! Li doppiamo tutti! Ed è sempre stato così.

Proprio per questa ragione, la tecnica di doppiaggio in Italia è diventata, fin dai primi tempi, una vera e propria arte e i doppiatori erano (e sono) dei veri e propri “attori radiofonici”, con capacità e abilità vocali superiori sviluppate grazie alla frequenza di specifici corsi in specifiche scuole, nate proprio per formare doppiatori professionisti.
In effetti, almeno in alcuni casi, il livello raggiunto dal doppiaggio italiano permette a un prodotto importato di crescere addirittura di qualità e di valore, grazie alla maggiore credibilità della voce doppiante rispetto a quella originale.
Purtroppo non tutti i doppiatori selezionati sono bravi: troppo spesso negli ultimi tempi sono state scelte voci solo per poter mostrare il nome di un personaggio famoso... che poi però non si dimostra all’altezza del compito assegnato, determinando il fiasco del prodotto finale.

Altre volte, invece, il doppiatore è valido ma il testo assegnato non è stato “digerito” a sufficienza dall’autore... generando ancora una volta un risultato discutibile.
Tutto questo poi diventa estremo quando si entra nel genere demenziale: i “giochi di parole”, infatti, costituiscono una fonte di comicità fondamentale in questo genere, ma lingue diverse raramente hanno giochi di parole in comune; è qui che l’autore di qualità deve venire fuori, gestendo sapientemente le battute, riadattandole alla nuova lingua, arrivando anche a stravolgerne completamente i testi. Un’esempio di successo è Frankenstein Junior nella famosa scena in cui si sente ululare un lupo e la successiva battura originale americana “Were-wolf, There Wolf” in italiano viene trasformata nella storica “Lupo Ulu-là, Castello Ulu-lì”.


Ma lavorare così costa: costa talento, fatica e dedizione, richiedendo tempi e spese che non sono sempre compatibili con altre esigenze... “prioritarie”: se poi il risultato finale non è all’altezza poco importa.
Ma per lo spettatore il livello raggiunto importa eccome (o almeno dovrebbe), solo che l’unica arma che si può utilizzare per esprimere dissenso è non andare a vedere il film al cinema... cosa difficile da fare se, per scoprirne la scarsa qualità, l’unico modo è proprio andare a vederlo.

C’è poi un altra casistica che ho scoperto circa una decina di anni fa: film che vengono completamente ridoppiati per “migliorare” l’audio, che risultava deteriorato dal tempo. E di questo vi porto l’esempio concreto di una mia grande delusione: fin dai tempi del liceo sono stato un devoto e fanatico ammiratore dei lavori dei Monty Python, che per me e tutta la mia cerchia di amici hanno rappresentato un punto di riferimento indiscutibile della demenzialità cinematografica. Per anni, nei nostri ritrovi, le battute tratte dai loro film entravano in continuazione nei momenti più disparati, tanto ne eravamo segnati. I migliori in assoluto sono, senza dubio, “Il Senso della Vita” e “Brian di Nazareth”. Una decina di anni fa, appunto, li trovo inaspettatamente in vendita in DVD ed io, con le lacrime agli occhi per la gioia, li ho subito comprati e sono letteralmente scappato a casa per vederli all’impronta.


Non so come descrivere efficacemente l’amarezza che ha seguito l’iniziale stupore: la versione in DVD era stata completamente ridoppiata, con voci nuove, testi modificati e diverse impostazioni vocali e dialettali che hanno fatto perdere completamente tutto il fascino dei film originali. Ho condiviso l’esperienza con gli amici, scoprendo che anche altri di loro avevano sperimentato lo stesso trauma. Ho ancora i DVD, ma confesso che non ho mai più provato il desiderio di rivederli e sono rimasti lì a prendere la polvere per tutti questi anni.

Un’esperienza amara, così amara che la potrei solo abbinare al gusto Cerume delle caramelle “Tutti i gusti più uno” di Harry Potter.
Volendo invece trovare qualcosa di diverso, qualcosa che rinfranchi lo spirito e faccia tornare un po’ di buon’umore, allora suggerisco i favolosi biscotti natalizi allo zenzero, chiamati anche Gingerbread.

http://www.thecomfortofcooking.com

E vi passo la ricetta di come li fa la mia mammina:

INGREDIENTI: Farina “00” gr.500, Zucchero di canna gr.130, Miele gr.200, 1 uovo, Burro gr.130

SPEZIE: 1,5 cucchiaino di cannella, 2 cucchiaini di zenzero, 1/2 cucchiaino di pimento, un pizzico di noce moscata, un pizzico di sale e 1/2 cucchiaino di lievito per dolci.

Setacciare la farina in una ciotola, unire lo zucchero di canna, le spezie, il sale e il lievito. Mescolare bene e poi unire l’uovo, il burro ammorbidito e il miele. Formare una palla e metterla in un luogo fresco a riposare, coperta da una pellicola, per 2 – 3 ore. Stendere l’impasto col matterello fino ad ottenere una sfoglia alta 4 mm. Tagliare con le formine ad “omino”, decorarle con i ritagli di pasta avanzata e dei confettini colorati, quindi infornare su una teglia foderata di carta forno per 15’ a 160°.
Lasciarli raffreddare e poi decorarli con glassa colorata.

Enjoy

Commenti

  1. Il doppiaggio è un po’ la croce e delizia di noi italiani. Abbiamo dei doppiatori magnifici (tranne come giustamente citi tu i casi in cui personaggi famosi diventano doppiatori senza averne le competenze), ma ciò non toglie che vedere un film in lingua originale è tutta un’altra cosa. Non sai quante volte guardando un film mi sono chiesta “Chissà com’era questa battuta in lingua originale?”, perché non sembra, ma una frase tradotta in un modo piuttosto che in un altro può cambiare completamente un personaggio. Senza parlare poi delle pause, del tono di voce, dell’espressività che un attore tramette. Io per fortuna conosco abbastanza bene l’inglese, quindi quando posso guardo film in lingua originale (nelle rassegne in lingua originale al cinema, in dvd, ma anche in tv), magari non capisco tutte le battute, ma è tutta un’altra cosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, sì concordo al 100%. Anche a me piace guardare i film nella loro lingua originale ed è vero che nella versione doppiata si possano perdere battute chiave.
      Un esempio per tutti riguarda il film "Ti presento i miei": l'ho visto al cinema con un paio di amici e ne sono uscito alquanto insoddisfatto. Poi, durante un viaggio di lavoro, mi è capitato di rivederlo sull'aereo in lingua originale: AVEVO LE LACRIME AGLI OCCHI DAL RIDERE!!!
      Questo per me è proprio un caso esemplare di film con buoni doppiatori e stesura del doppiaggio "tirata via"; avrei anche voluto citarlo, se non fosse che avevo già inserito fin troppi riferimenti.
      Comunque grazie infinite per il tuo commento: è sempre un piacere trovare altre persone che hanno piacere di vedere i film in lingua originale :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Anche i blogger donano!

Saving Mr Banks .. I Donuts e l' English Tea

Il Lato Positivo .. dei tagliolini al Tartufo