The H8ful 8


Ed è arrivato anche il numero 8! Non ho ancora capito bene qual è il modo giusto per contare i suoi lavori, ma anche solo dal titolo non ci si può sbagliare: è il numero 8.
Lo dico subito: a me è piaciuto. Ammetto che non sia il migliore dei suoi film, ma il suo stile e la sua firma sono innegabili, almeno per quello che mi piace di lui.
Mi riferisco in particolare alla sua capacità di restituire fedelmente l’immagine di aspetti di un epoca antica mantenendone le caratteristiche, dimostrando così la sua passione ed il suo rispetto per il genere.
Senza dubbio questa sua volontà di riflettere la cruda verità viene spesso male interpretata dai suoi detrattori, che alimentano l’accendersi degli animi lanciandogli l’accusa di mostrare razzismo e misoginia nelle scene e nei dialoghi del film. Che lo facciano con convinzione o in malafede, commettono comunque un palese errore: la realtà delle epoche passate racchiude enormi inciviltà, se la si paragona con la realtà attuale, e nel periodo attorno alla guerra civile americana il razzismo era a tutti gli effetti una cultura fortemente radicata. La società “politically correct” di oggi ama sdegnarsi di fronte al solo utilizzo della parola “negro”, ma la cultura razzista in America si è trascinata nel tempo fino a pochi decenni fa, giustificando orrori che chiunque oggi riterrebbe imperdonabili. Pertanto ritengo onorevole il rispetto mostrato da Tarantino nella sua onesta rappresentazione, per quanto volgare, cruda e violenta.


So che molti non hanno gradito quest’ultimo lavoro, probabilmente perché non è così splatter o slasher come i precedenti, ma rispetto ai precedenti ha una marcia in più sul dialogo e sul gioco dei ruoli. È un film che si rifà anche alle tecniche dei film gialli, cosa definirei alquanto originale per Quentin. E poi, scusate se è poco, c’è la favolosa musica del nostro grande Ennio Morricone, che finalmente è riuscito a vincere un premio Oscar! Un premio che inspiegabilmente non era mai riuscito a vincere finora su una sua opera, nonostante i suoi tanti capolavori intramontabili (come “Mission” e “C’era Una Volta in America” per citarne due che io adoro).

Di curiosità sul film ce ne sono davvero tante e se ne siete proprio curiosi vi consiglio di leggerli direttamente sull’articolo di Wikipedia. Da parte mia preferisco spendere un’ultima parola per citare una frase del disegnatore Giuseppe Balestra, riportata nel post su questo film della rubrica Bad Tribute (su BadTaste.it, sito di informazione sul mondo del cinema) che mi ha suggerito il titolo che ho usato per questo post:

«Ho molto apprezzato il lavoro di lettering presente in alcuni poster del film. “Hateful” è reso come “H8ful”, giocando sulle assonanze, e a sua volta il numero 8 è formato da due fori di proiettile.»

Andate pure a vedere l’articolo, così potrete apprezzare il bel disegno realizzato da Balestra.

Non resta altro, a questo punto, che parlare del piatto giusto da associare, specie considerando che il livello splatter del film è molto al di sotto dello standard tarantiniano, e considerando che nel film si cita la zuppa speciale della proprietaria della locanda vi offro la ricetta della zuppa che fa mia madre (veramente sopraffina se si sanno scegliere prodotti di qualità) e che qui chiamerò Alvaro’s Soup.

http://www.trattoriadamartina.com

Ingredienti

3 patate, 
1 zucchina, 
1 cipolla bianca, 
2 carote medie 
1 costa di sedano,
1 spicchio di cavolo cappuccio, 
5 foglie di lattuga, 
10 gambi di bietolona, 
1 torso di broccolo calabrese pelato, 
1 mazzetto di prezzemolo fresco, 
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, 
10 g di pecorino romano in scaglie, 
sale e olio evo q.b.

Preparazione: Mettere tutto in pentola tagliando a pezzetti le verdure, coprire d’acqua superando di 2 dita il livello delle verdure e bollire con coperchio per un’ora circa. Terminata la cottura frullare il tutto con un mixer ad immersione. Servire unendo una pasta piccola a piacere e le scaglie di pecorino romano.

Enjoy

2 commenti:

  1. non è il film che mi è più piaciuto di Tarantino, ma ne è valso la pena...
    ne è valso decisamente la pena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo al 100%: non è il classico lavoro di Tarantino e probabilmente a molti non è piaciuto fosse così poco splatter, ma i suoi elementi distintivi c'erano e questa volta ha dato molto più spazio alla trama tutta in giallo e ai dialoghi. Sì, ne è valso decisamente la pena :)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...