Captain Marvel e la “Dolce Meraviglia”


Bire Larson per me è stata una scoperta. Ammetto che fino ad ora non l’avevo mai percepita, ma dopo aver visto questo film ne sono rimasto colpito e ho voluto saperne qualcosa di più. Ed è così che ho scoperto che lei ha, a mia insaputa, vinto addirittura un Oscar come migliore attrice protagonista in Room, un film il cui nome non ha acceso alcuna lampadina nella mia testa, ma che adesso, dopo essermene gustato il trailer, desidero molto vedere. Vi saprò dire.

Ma torniamo al protagonista di questo post, un film che ha superato le mie aspettative e che consiglio a tutti gli amanti del genere fantastico con supereroi. Brava lei, come ho già detto, ma anche il resto del cast, belle le immagini e le ambientazioni, interessante e ben costruita la storia, divertenti le gag e forte il messaggio pacifista. È la prima volta che vedo una protagonista femminile unica in un film della Marvel, però è un’indiscutibile supereroina che non solo è dotata di poteri incredibili, ma anche di una forza interiore e una fibra morale che ne fanno un vero e proprio simbolo.


Ci sono anche un paio di chicchine curiose, che colmano altrettante lacune lasciate dai lavori precedenti della Marvel, ma sono certo che non sfuggiranno ai fan per cui sarà bene che io non dica altro.
Di sicuro adesso desidero ancora di più di andare a vedere il prossimo ed imminente capitolo della saga degli Avengers, il tanto atteso Endgame, che proporrà proprio Captain Marvel come elemento di svolta nella situazione devastante che si è andata a realizzare in Infinity War.
Viene però da pensare al solito dilemma relativo a chi sia, in realtà, il buono e chi il cattivo in una guerra, quando alla fine la storia premia sempre i vincitori come i “buoni”: a conti fatti tutti lottano per difendere una propria posizione e tutti finiscono per compiere azioni crudeli e riprovevoli giustificandole come azioni di guerra. Anche in questo film si ripresenta inevitabilmente e l’eroina, in quanto tale, opta per la più lodevole delle soluzioni: riportare la pace! È questo che, alla fine, dona di nuovo serenità alla nostra anima… e ci starebbe bene anche un qualcosa di analogo nella concretezza, qualcosa che sia al tempo stesso pieno di dolcezza ma anche di meraviglia e stupore, proprio come Captain Marvel, un qualcosa come… il Dolce Meraviglia

https://ricette.donnamoderna.com

Non è un dolce da forno, ma richiede un po’ di manualità per poterlo realizzare a modino sia per quanto riguarda il gusto che l’aspetto (anche l’occhio vuole la sua parte).

Ingredienti per 4 persone

200g di lingue di gatto, 
200g di meringhette, 
3 uova, 
50g di zucchero,
250g di cioccolato fondente spezzettato,
3 cucchiai di caffè ristretto, 
200g di panna montata e infine burro.

Sciogliere 3/5 del cioccolato spezzettato con il caffè. In una terrina lavorare a spuma i tuorli con lo zucchero e poi, continuando a mescolare, incorporare poco alla volta il cioccolato fuso (tiepido), la panna montata e gli albumi montati a neve fermissima. Prendere il cerchio smontabile di uno stampo per dolci e posarlo su un piatto da portata: ungere di burro le pareti interne del cerchio e farvi aderire le lingue di gatto. Versare quindi all'interno 1/3 della crema al cioccolato, livellare e distribuirvi sopra metà delle meringhe sbriciolate. Coprire le meringhe con un secondo strato di crema e con il resto delle meringhe sbriciolate, quindi finire con uno strato di crema e con il cioccolato rimasto, tagliato a scaglie. Tenere in frigo per tre ore, poi sganciare il cerchio, guarnire a piacere e servire.

Enjoy

Commenti

Post popolari in questo blog

Anche i blogger donano!

Liebster Award .. tocca a noi!

Noah in 3D... o_O