La nostra vita ... accompagnata dai Falafel

Concedersi il lusso di guardare un film che l'anno scorso ci è sfuggito al cinema e con l'occasione sperimentare una nuova ricetta è un passatempo che consiglio a tutti, soprattutto con le numerose giornate di pioggia che ci regala l'autunno.
Oggi ho scelto di vedere La Nostra Vita, (clicca qui per il trailer) il film di Daniele Lucchetti che è valso al protagonista Elio Germano il premio del 63mo Festival di Cannes per la miglior interpretazion
e maschile, ex aequo con Javier Bardem (per la premiazione clicca qui). Per trovare un altro italiano vincitore della Palma d'Oro bisogna tornare al 1979, quando il premio andò allo scomparso Stefano Madia per il film di Dino Risi "Caro papa'".

Ma torniamo al film. Elio Germano interpreta Claudio, un operaio edile trentenne che lavora nei cantieri della periferia romana e vive con l
a moglie Elena e i due figli, in attesa del terzo. Gran lavoratore e marito innamorato, rimane sconvolto e impreparato dalla morte che raggiunge la donna, proprio mentre sta dando la vita al piccolo Vasco.
Incapace di fronteggiare il dolore, si mette in testa di dover risarcire i figli, dando loro tutte quelle cose che si possono comperare. Si infila così in un affare più grosso di lui, dal quale uscirà solo grazie al supporto dei familiari e dopo aver fatto i conti con la sua storia e con ciò che gli è accaduto. Il film
è sconcertante nel suo essere vero, universale per i sentimenti che rappresenta. Il titolo La nostra vita è per questo, azzeccatissimo.

Qui non ci sono i telegatti del film della Coppola, non ci sono lustrini nè falsi miti italiani. Qui siamo in scena tutti noi, alle prese con i nostri sentimenti e i piccoli accadimenti quotidiani. I sub-appalti e il tema dell'immagrazione fanno da sfondo alla storia di una famiglia di borgata che supera il dolore con l'affetto e la presenza. I soldi, il voler apparire ricchi davanti agli altri, la paura per la perdita di una persona cara e allo stesso tempo la volontà, e necessità di andare avanti. Una storia di dolore e di speranza, che si sposa perfettamente con l
a canzone di Vasco più volte citata nel film: Anima Fragile.
Il confronto/scontro con gli extracomunitari è un altro tema costante nel film, ma anche in questo caso il regista non cede a luoghi comuni o facili clichè. Insomma, se non l'avete già fatto, la Nostra Vita è sicuramente un film da vedere. A me ha ricordato "La prima cosa bella", nella sua capacità di descrivere momenti e situazioni in modo crudo e proprio per questo ancora più emozionante.

Cosa accompagnare alla visione di questo film? Io mi sono fatta ispirare proprio dalla tematica dell'immigrazione e dell'incontro/scontro con altre culture per proporre una ricetta che ne rappresenta invece un felice connubio. Si tratta dei Falafel, polpette molto diffuse in medio-oriente e che sono in breve tempo diventate un piatto forte di molti ristoranti vegetariani anche in Italia.



Per di più, è un cibo 'povero' che si può consumare anche dentro la pita come spuntino o veloce pranzo, assieme a lattuga, pomodori e tahini (salsa a base di yogurt). Può accompagnare anche la crema di ceci (lo hummus). Sicuramente li avrete già magiati, qui in Italia oppure in Francia, in America se non direttamente nei paesi arabi. Poco importa perchè ormai i falafel sono diventati un pasto sicuramente economico, gustoso e 'globale'. Guardate questo video e ne capirete di più! Sapevate che anche McDonal ha creato il Mc Falafel?

La ricetta è semplice: 400 gr. di ceci, 1 cipolla tritata, 1 mazzo di prezzemolo tritato, 2 spicchi d'aglio, 2 cucchiai di cumino, 1 cucchiaio di coriandolo macinato, olio per friggere, sale, pepe.

Scolare e togliere le bucce ai ceci dopo averli lasciati in ammollo per 24 ore. Trasferire nel frullatore i ceci, la cipolla, l'aglio, il prezzemolo, il coriandolo (semi) macinato, il cumino, un pizzico di pepe e il sale; frullare per 20 secondi fino ad ottenere un impasto fine ed omogeneo. Lasciare riposare in frigo per 1 ora. Con il composto formare quindi, delle polpette medie e dorarle nell'olio bollente, girandole dolcemente, per 4 minuti circa. Quando non si riesce a formare le polpette perché il composto risulta troppo liquido e non compatto, si può aggiungere un pò di farina. Quando le polpette sono ben colorite toglietele e asciugatele con la carta assorbente. I falafel vanno serviti a scelta caldi o freddi su un letto di verdura oppure su del pane tostato con verdure e hummus.

Adesso non mi resta che lasciarvi in compagnia del film ed alle prese con questa ricetta.. magari se vi esercitate riuscirete a servirli come lui!



Buon divertimento!

Commenti

Post popolari in questo blog

Anche i blogger donano!

Il Lato Positivo .. dei tagliolini al Tartufo

Saving Mr Banks .. I Donuts e l' English Tea